bando Voucher digitalizzazione PMI

Cos’è

 

È una misura agevolativa per le micro, piccole e medie imprese che prevede un contributo, tramite concessione di un “voucher”, di importo non superiore a 10 mila euro, finalizzato all'adozione di interventi di digitalizzazione dei processi aziendali e di ammodernamento tecnologico.

Come funziona e scadenza

Le domande potranno essere presentate dalle imprese, esclusivamente tramite la procedura informatica che sarà resa disponibile  a partire dalle ore 10.00 del 30 gennaio 2018 e fino alle ore 17.00 del 9 febbraio 2018. Già dal 15 gennaio 2018 sarà possibile accedere alla procedura informatica e compilare la domanda. Per l'accesso è richiesto il possesso della Carta nazionale dei servizi e di una casella di posta elettronica certificata (PEC) attiva e la sua registrazione nel Registro delle imprese.

NOVITA’ RISPETTO AGLI ALTRI BANDI

NoN è previsto un ordine cronologico per l’attribuzione dei Voucher. Le domande di agevolazioni presentate nel periodo di apertura dello sportello sono considerate come pervenute nello stesso momento. Nel caso in cui le risorse disponibili a livello regionale non siano sufficienti a coprire le richieste pervenute da parte delle imprese è prevista una procedura di riparto delle risorse finanziarie in proporzione alle richieste delle imprese.

 

 

 

Cosa finanzia

Il voucher è utilizzabile per l'acquisto di software, hardware e/o servizi specialistici che consentano di:

a)    Migliorare l'efficienza aziendale;

b)   modernizzare l'organizzazione del lavoro, mediante l'utilizzo di strumenti tecnologici e forme di flessibilità del lavoro, tra cui il telelavoro;

c)    sviluppare soluzioni di e-commerce;

d)   fruire della connettività a banda larga e ultralarga

e)    il collegamento alla rete internet mediante la tecnologia satellitare;

f)    realizzare interventi di formazione qualificata del personale nel campo ICT.

Le spese devono essere sostenute solo successivamente all’assegnazione del Voucher. L’avvio del progetto deve essere, quindi, successivo alla pubblicazione sul sito istituzionale del Ministero (www.mise.gov.it) del provvedimento cumulativo di prenotazione del Voucher di cui all’articolo 4, comma 1, del decreto direttoriale 24 ottobre 2017.

attività

Spese ammissibili

a)     miglioramento dell'efficienza aziendale

Hardware, software e servizi di consulenza speciali finalizzati alla digitalizzazione dei processi industriali

b)    modernizzazione dell'organizzazione del lavoro

Hardware, software e servizi di consulenza speciali finalizzati  alla modernizzazione dell’organizzazione del lavoro, con particolare riferimento all’utilizzo di strumenti tecnologici e all’introduzione di forme di flessibilità del lavoro, tra cui il telelavoro

c)     sviluppo di soluzioni di e-commerce

Hardware, software e servizi di consulenza speciali finalizzati  alla gestione delle transazioni on line e  per i sistemi di sicurezza della connessioni di rete.

d)       connettività a banda larga e ultralarga

Le spese relative a tale ambito sono ammissibili solo se strettamente correlate agli ambiti di attività a), b) e c) 

Spese di attivazione del servizio per la connettività sostenute una tantum (con esclusivo riferimento ai costi di realizzazione delle opere infrastrutturali e tecniche e ai costi di dotazione e installazione degli apparati necessari alla connettività a banda larga e ultralarga)

e)       collegamento alla rete internet mediante la tecnologia satellitare Le spese relative a tale ambito sono ammissibili solo se strettamente correlate agli ambiti di attività a), b) e c) 

Spese relative all'acquisto e all'attivazione di decoder e parabole per il collegamento alla rete internet mediante la tecnologia satellitare

f)        formazione qualificata nel campo ICT del personale

Le spese relative a tale ambito sono ammissibili solo se attinenti ai fabbisogni formativi strettamente correlati agli ambiti di attività a), b), c), d) ed e) 

Spese per la partecipazione a corsi e per l'acquisizione di servizi di formazione qualificata  purché attinenti alle attività dei punti precedenti (a favore di titolari, legali rappresentanti, amministratori, soci, dipendenti dell'impresa beneficiaria)

 

Importo del voucher

 

Ciascuna impresa può beneficiare di un unico voucher di importo non superiore a 10 mila euro, nella misura massima del 50% del totale delle spese ammissibili.

PROROGA PRESENTAZIONE DOMANDE BANDO "IMPRONTA D'IMPRESA INNOVATIVA" - 2016

E' prorogato al 31 luglio 2016 il termine di presentazione delle domande relative al bando di concorso Impronta d'Impresa Innovativa, promosso dal Comitato Imprenditoria Femminile della Camera di Commercio di Ancona per l'anno 2016, che eroga premi in denaro alle imprese femminili innovative del territorio. Il Comitato intende premiare le imprese femminili che si sono distinte per aver sviluppato progetti aziendali innovativi nelle tre categorie:

- Premio “New Made in Italy”: premio alle nuove tecnologie, processi, strumenti nei settori del Made in Italy (moda, artigianato, agroalimentare, meccanica, arredamento, ricettività, turismo e beni culturali);

- Premio “Impresa connettiva”: premio alla migliore innovazione d’impresa con un forte valore “connettivo”. Sono considerate in tale ambito le innovazioni nella logistica, nei servizi di comunicazione, nell’ICT, nelle tecnologie digitali così come negli spazi e strumenti di collaborazione tra imprese;

- Premio “Impresa EquoSistema innovativo”: premio alla migliore innovazione nei servizi alle imprese e alla persona, con una significativa ricaduta a livello sociale (innovazioni nei servizi alla cittadinanza, nel welfare, nei servizi all’ambiente, nella conciliazione dei tempi di vita e di lavoro, nella valorizzazione delle risorse umane).

SOSTEGNO ALLO START UP, SVILUPPO E CONTINUITÀ DI IMPRESA NELLE AREE DI CRISI

La Regione Marche ha approvato il bando di accesso  ai contributi a fondo perduto per lo start up, lo sviluppo e la continuità di impresa nelle aree di crisi produttiva e occupazionale della Regione  da destinarsi alle micro, piccole e medie imprese del territorio, in attuazione dell'azione 7.1, OS 7, Asse 3 del POR MARCHE FESR 2014/2020 (DDPF n. 59/ACF del 31/05/2016).

Il Bando prevede la concessione di agevolazioni alle micro e piccole imprese per progetti di start up, alle micro, piccole e medie imprese per progetti di avvio di iniziative imprenditoriali, di sviluppo produttivo (ampliamento, diversificazione, riattivazione) di imprese esistenti, di rilocalizzazione totale o parziale della produzione del Made in Italy, anche integrati con progetti di innovazione dell’organizzazione aziendale, e per progetti di trasferimento di impresa per favorirne la continuità.

Verranno finanziati programmi di investimento afferenti attività manifatturiere e di servizi alla produzione, nonché delle industrie culturali e creative, mentre per i progetti di rilocalizzazione (reshoring) le attività finanziate riguarderanno le produzioni del ”Made in Italy”.