PROROGA PRESENTAZIONE DOMANDE BANDO "IMPRONTA D'IMPRESA INNOVATIVA" - 2016

E' prorogato al 31 luglio 2016 il termine di presentazione delle domande relative al bando di concorso Impronta d'Impresa Innovativa, promosso dal Comitato Imprenditoria Femminile della Camera di Commercio di Ancona per l'anno 2016, che eroga premi in denaro alle imprese femminili innovative del territorio. Il Comitato intende premiare le imprese femminili che si sono distinte per aver sviluppato progetti aziendali innovativi nelle tre categorie:

- Premio “New Made in Italy”: premio alle nuove tecnologie, processi, strumenti nei settori del Made in Italy (moda, artigianato, agroalimentare, meccanica, arredamento, ricettività, turismo e beni culturali);

- Premio “Impresa connettiva”: premio alla migliore innovazione d’impresa con un forte valore “connettivo”. Sono considerate in tale ambito le innovazioni nella logistica, nei servizi di comunicazione, nell’ICT, nelle tecnologie digitali così come negli spazi e strumenti di collaborazione tra imprese;

- Premio “Impresa EquoSistema innovativo”: premio alla migliore innovazione nei servizi alle imprese e alla persona, con una significativa ricaduta a livello sociale (innovazioni nei servizi alla cittadinanza, nel welfare, nei servizi all’ambiente, nella conciliazione dei tempi di vita e di lavoro, nella valorizzazione delle risorse umane).

SOSTEGNO ALLO START UP, SVILUPPO E CONTINUITÀ DI IMPRESA NELLE AREE DI CRISI

La Regione Marche ha approvato il bando di accesso  ai contributi a fondo perduto per lo start up, lo sviluppo e la continuità di impresa nelle aree di crisi produttiva e occupazionale della Regione  da destinarsi alle micro, piccole e medie imprese del territorio, in attuazione dell'azione 7.1, OS 7, Asse 3 del POR MARCHE FESR 2014/2020 (DDPF n. 59/ACF del 31/05/2016).

Il Bando prevede la concessione di agevolazioni alle micro e piccole imprese per progetti di start up, alle micro, piccole e medie imprese per progetti di avvio di iniziative imprenditoriali, di sviluppo produttivo (ampliamento, diversificazione, riattivazione) di imprese esistenti, di rilocalizzazione totale o parziale della produzione del Made in Italy, anche integrati con progetti di innovazione dell’organizzazione aziendale, e per progetti di trasferimento di impresa per favorirne la continuità.

Verranno finanziati programmi di investimento afferenti attività manifatturiere e di servizi alla produzione, nonché delle industrie culturali e creative, mentre per i progetti di rilocalizzazione (reshoring) le attività finanziate riguarderanno le produzioni del ”Made in Italy”.